Facebook, in arrivo novità per contrastare il Revenge Porn

Facebook propone delle novità per combattere il cosiddetto revenge porn. Il social network introduce nuove regole più restrittive per contrastare il fenomeno del revenge porn. Queste saranno le novità per annientare il fenomeno. Facebook sta intensificando i propri sforzi per combattere la porno vendetta, una forma di molestia online che colpisce uno su 25 americani.

Il gigante dei social media ha detto con un post che una volta che un post del genere viene segnalato e rimosso, le nuove tecnologie di intelligenza artificiale verranno utilizzate per prevenire che la suddetta immagine venga postata su Facebook Messenger e Instagram. Il Fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha scritto sulla sua pagina che la condivisione di foto intime online come mezzo per svergognare un individuo “E’ sbagliato, è qualcosa che fa male. Se ce lo segnalate, useremo ora l’Intelligenza Artificiale e il riconoscimento facciale nelle immagini per evitare che tali contenuti si diffondano e vengano condivisi nella nostra comunità“.

Facebook ha recentemente iniziato anche la segnalazione dei cosiddetti elementi “fake” che appaiono sulla sua piattaforma, dopo le preoccupanti dichiarazioni sollevate sul ruolo del sito nel contribuire involontariamente al proliferare di notizie false tra i suoi utenti. Lo scorso autunno, un giudice irlandese ha emesso una condanna per una causa intentata contro Facebook da parte di una ragazza di 14 anni, la cui immagine è stata condivisa nuda su Facebook.

Il post ha spiegato come il primo passo nel processo richieda che la foto incriminata debba essere contrassegnato cliccando sul link “Report” a cui si accede cliccando sulla freccia vicino. Se verrà scoperta una violazione, il contenuto verrà rimosso e l’account dell’utente responsabile della pubblicazione disabilitato. Gli strumenti a disposizione consentiranno di lavorare per evitare che foto o post del genere, tipo quelli appena rimossi siano pubblicati in futuro non solo su Facebook ma anche su Instagram e Messenger.

Commenti

Commenti

Lascia un Commento