Sole 24 Ore: dieci indagati per le copie digitali fasulle

La procura ha ordinato la perquisizione di alcune false comunicazioni sociali, alcuni dovuti all’appropriazione indebita, altri sull’accusa nei confronti di Benedini, ex presidente del 24 Ore, Treu, Napoletano, direttore del quotidiano economico.

La gdf esegue quattro decreti di perquisizione verso i il gruppo del Sole 24 Ore. Sotto indagine troviamo dieci persone per false comunicazioni sociali e appropriazione indebita. Il cuore dell’inchiesta è  una presunta sottoscrizione di decine di migliaia di abbonamenti digitali.

GLI INDAGATI SOTTO ACCUSA

Benedini e Napoletano, sono i primi due ad essere indagati per accusa di falsa comunicazione insieme alla Donatella Treu ex a.d. Quintarelli , viene indagato per appropriazione indebita dell’area digitale del quotidiano.

Inoltre il fratello Giovanni Quintarelli, ex direttore finanziario Airoli, direttore delle vendite Alberto Biella, commercialista Stefano Poretti , Filippo Beltramini, affiliati alla società Inglese della vendita degli abbonamenti contrallata dall’azienda  ‘Di Source’ vengono indagati per il reato di appropriazione indebita di circa 3 milioni di Euro.

Dopo alcuni accertamenti si sono riscontrate alcune anomalie nei conti economici delle attività di vendita, enfatizzate all’acquisto di alcune copie digitali falsificate, infatti dopo aver indagato, il nucleo speciale di polizia e il gdf, hanno invitato a consegnare il materiale informatico senza effettuare sequestri.

SCIOPERO DEI GIORNALISTI

La Confindustria dichiara, valuteremo o meno se tutelare le azioni e gli azionisti, abbiamo piena fiducia nella magistratura e speriamo che faccia chiarezza sui fatti passati relativi al Sole 24 Ore. Inoltre la confindustria dichiara di tutelare le proprie azioni in qualità di azionista maggiore del “Gruppo Sole 24 Ore”.

Dopo alcuni riscontri positivi i giornalisti in oltranza decidono di effettuare uno sciopero per evitare le dimissioni del direttore Roberto Napoletano, questa decisione viene presa dall’assamblea dei giornalisti, che non vuole anche dopo aver percepito l’iscrizione nell’elenco degli indagati di Napoletano per gli abbonamenti falsi legati all’ambito economico.

 

Commenti

Commenti

Lascia un Commento